Mangiastorie – Storie, cibo e immagini di un fantomatico scontro tra culture

Progetto
Il progetto “Mangiastorie – Storie, cibo e immagini di un fantomatico scontro tra culture”, è realizzato dall’associazione giovanile di promozione sociale Juppiter, in collaborazione con il circolo di cultura cinematografica Filmcafè, con l’obiettivo di a far avvicinare i ragazzi al linguaggio cinematografico attraverso una rassegna cinematografica e laboratori. Tali attività sono state rivolte al mondo della scuola ed in particolare all'Istituto omnicomprensivo di Orte.

Il progetto “Mangiastorie – Storie, cibo e immagini di un fantomatico scontro tra culture” è avvenuto in 3 fasi distinte tra di loro.

I° fase: realizzazione dei laboratori multimediali rivolti ai giovani. Nell’ambito dei laboratori sono stati trattati diversi temi legati ai linguaggi multimediali ma la parte più corposa si è concentrata sulle tecniche creative e produttive di un breve docufilm sul tema dell’integrazione

II° fase: realizzazione di una rassegna cinematografica che ha previsto la proiezione di cinque film diversi.

I film proiettati sono stati:

1)        Lettere dal Sahara di Vittorio De Seta

2)        Due sotto il Burqa di Sou Abad

3)        Alì ha gli occhi azzurri di Claudio Giovannesi

4)       Almanya di Yasemin Samdereli

5)        Sta per piovere di Haider Rashid

III° fase: la realizzazione del volumeSono nato dove piovono i pesci 2” che raccoglie le tradizioni natalizie delle diverse etnie presenti. Oltre ai racconti sono state raccolte anche delle video interviste ai ragazzi con le quali è stato realizzato un breve docufilm.

Il volume è stato presentato il 20 novembre 2019, in occasione del 30° anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, presso la Sala Regia del Comune di Viterbo, di fronte agli alunni dell’istituto omnicomprensivo di Orte, e dell’istituto Fantappiè di Viterbo. Presenti tra gli ospiti il Garante per i diritti dei Bambini della Regione Lazio, i Comandanti delle Forze dell’Ordine di Viterbo e il Questore.

Uno dei fattori di maggior rilevanza che ci ha permesso di ottenere un buon impatto iniziale per l’iniziativa proposta è derivato dall’aver messo in campo un intervento innovativo in quanto le attività sono state imperniate sul principio della centralità dell’adolescente e soprattutto sulle sue emozioni e fragilità. I singoli interventi e le attività realizzate hanno permesso ai giovani di sviluppare ed accrescere competenze utilizzando quei linguaggi artistici e creativi (musica, multimedialità, teatro, cinematografia etc.) da loro preferiti e contemporaneamente investire “sulle proprie capacità e sul proprio futuro nel proprio territorio”.

CIPS - Cinema e Immagini per la Scuola
Piano nazionale di educazione all'immagine per le scuole promosso dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’Istruzione
CIPS - Cinema e Immagini per la Scuola è un progetto promosso da: