Lanterna Magica Film Fest – Istituto Cinematografico dell’Aquila “La Lanterna Magica”

Progetto
La lanterna magica come infanzia del cinema, una giostra per i ragazzi ma anche per i genitori che possono esplorare la complessità della macchina del cinema partendo dagli strumenti più semplici. La filosofia del festival è costruita sul cinema come macchina del sogno. Valorizzazione delle opere cinematografiche, uso delle nuove tecnologie digitali, sviluppo delle conoscenze e competenze nel settore cinematografico, valorizzazione del territorio, questi gli elementi identificativi del festival.

Lanterna Magica Film Fest nasce dalla collaborazione con Stefano Masi, scrittore e critico cinematografico e volto noto di Rai News per le edizioni di approfondimento sul cinema e sui grandi Festival internazionali della settima arte.
Il Festival ha preso il via il 26 maggio 2020 con la proiezione di alcuni lungometraggi con la tematica Mamma e Papà: istruzioni per l’uso: sezione estiva dedicata ai film che esplorano la complessità della famiglia, vista dalla parte dei più giovani. È una sezione competitiva che mette insieme film di ieri e di oggi. Come sopravvivere ai litigi di mamma e papà, e magari anche alla loro separazione.
Il progetto è proseguito con la sessione invernale all’interno degli Istituti scolastici dal mese di dicembre 2020 e fino ad maggio 2021 con attività laboratoriali, cineforum ed incontri specifici per l’approfondimento della tematica trattata. Il percorso è terminato con la realizzazione di un prodotto audiovisivo realizzato dagli studenti coinvolti. Naturalmente, il percorso è stato adeguato alle disposizioni Covid e dunque l’Istituto Cinematografico ha fornito agli Istituti Scolastici materiale digitale attraverso le piattaforme virtuali ed ha guidato gli studenti con tutorial specifici.

L’obiettivo del percorso proposto è legato alla grande sfida della formazione di un giovane studente con tutte le problematiche legate ad esse. L’avvento prepotente dei social network, le immagini “centrifugate” dal web e le notizie che corrono istantanee forniscono un’immagine di una società che sembra polverizzare i momenti di riflessione e di condivisione. Questi elementi sono spesso alimenti facili per le giovanissime generazioni, che spesso non hanno filtri per provare a comprendere quello che la rete telematica mondiale sottopone. Se aggiungiamo che questi effetti hanno coinvolto e stravolto anche la vita di moltissimi adulti, potrebbe sembrare quasi anacronistico provare a strutturare un momento culturale e coglierne impatti positivi e di riferimento.
Il percorso complessivo ha anche un ulteriore obiettivo: l’eterna missione culturale dell’Istituto Cinematografico viene come sempre indirizzata anche alla conoscenza del magico mondo del cinema.

L’utilizzo delle nuove forme di comunicazione digitale è fondamentale per la realizzazione del percorso formativo. In questo momento particolare che tutti stiamo vivendo, è importante poter utilizzare strumenti che ci consentono di mantenere il distanziamento sociale senza tuttavia rinunciare ad attività stimolanti. Grazie allo streaming, alle piattaforme dedicate ed a contenuti digitali è possibile fruire del cinema per creare momenti di riflessione, conforto e formazione per i giovani.

Il progetto ha coinvolto nel complesso quattro Istituti Comprensivi e una scuola, 1000 studenti e 40 docenti.


Coordinamento Scientifico-Culturale: D’Innocenzo Manuela – Rossi Pierluigi, con la collaborazione di Stefano Masi

Giuria di esperti della sessione estiva, sezione competitiva composta da Enzo Pio Pignatiello, Simone Santilli (Direttori artistici del Progetto “S.O.S. Stanlio e Ollio”) ed Angelo Tantaro (Direttore di Diari di Cineclub – Periodico indipendente di cultura e informazione cinematografica)

CIPS - Cinema e Immagini per la Scuola
Piano nazionale di educazione all'immagine per le scuole promosso dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’Istruzione
CIPS - Cinema e Immagini per la Scuola è un progetto promosso da: