De Rerum Imagine – Liceo D. Crespi

Progetto
Decodificare la sintassi filmica per certificare le competenze sui nuovi linguaggi, ma anche per produrre esperienza di PCTO, previa formazione specifica.

Il progetto De Rerum Imagine, realizzato dalle classi del Liceo D. Crespi, ha previsto una serie di laboratori atti a decodificare la sintassi filmica per certificare le competenze sui nuovi linguaggi, sensibilizzare gli studenti circa le tematiche ambientali e implementare le loro competenze nelle lingue europee. La scelta dei temi ambientali incide sulle competenze di cittadinanza e le rassegne in lingua implementano le competenze linguistiche, sempre in un’ottica di cittadinanza agita.
Si sono identificate quattro linee di intervento: tre di tipo metodologico e una pratico-esperienziale connesse alla crescita di una coscienza civica ed ecosistemica. Nel primo laboratorio si sono organizzate lezioni su forme e figure fondamentali del linguaggio cinematografico e audiovisivo. Nel secondo si sono affrontate lezioni finalizzate alla ricostruzione e attraversamento dell’immaginario cinematografico mettendo a confronto e in relazione temi anche di carattere sociale ed etico (tematiche ambientali), ma anche simbologie e narrazioni attraverso la visione di frammenti e di testi filmici completi, proponendo sia grandi classici della storia del cinema sia pellicole più recenti, e più vicine all’universo delle nuove generazioni, ponendo sempre l’accento sulla difesa della legalità come impegno di ogni cittadino. Il laboratorio di indagine dell’arte documentaria ha spiegato come fin dalla nascita del cinema la tendenza alla riproduzione del reale e della natura e quella verso la sua trasfigurazione siano strettamente legate e ne costituiscano due anime speculari ma non contrapposte. Documentario e finzione utilizzano il medesimo linguaggio e, come tali, rispondono al medesimo desiderio di (ri)creazione del mondo.  Il quarto laboratorio ha previsto la scoperta di storie all’interno della realtà, con una particolare attenzione allo sguardo sulla natura e sull’ambiente, attraverso una serie di esercizi filmati (applicazione del linguaggio audiovisivo con finestre di approfondimento tecnico ed esercitazioni), individuali e di gruppo. Grazie alla visione e all’analisi di film, anche a tema e con dibattito guidato, vi è stato un incremento del livello di alfabetizzazione iconica, sono state acquisite competenze nell’ambito dell’audiovisivo e sono state consolidate le competenze linguistiche entro problematiche di carattere ambientale, sociale ed etico,  incoraggiando il recupero di una modalità di fruizione critica e la riscoperta del piacere della visione collettiva su grande schermo nelle sale finalmente riaperte.

Il progetto ha coinvolto complessivamente 15 classi.

CIPS - Cinema e Immagini per la Scuola
Piano nazionale di educazione all'immagine per le scuole promosso dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’Istruzione
CIPS - Cinema e Immagini per la Scuola è un progetto promosso da: