AS Film Festival School

Progetto
Cultura cinematografica ed audiovisiva e cultura della (neuro) diversità, ovvero il cinema come strumento di educazione non formale, integrazione e inclusione sociale. Questi gli elementi chiave del progetto AS Film Festival SCHOOL, che intende estendere al contesto scolastico l'esperienza di As Film Festival, l'unico festival internazionale di cinema realizzato da persone nella condizione autistica giunto alla sua nona edizione.

Il progetto pilota AS Film Festival School è nato dalla volontà di coinvolgere attivamente le scuole secondarie di primo e secondo grado nella VII edizione di As Film Festival, l’unico festival cinematografico al mondo curato da persone che si riconoscono nella condizione autistica. Nel corso del 2019, il festival ha toccato tante città italiane quanti sono stati gli istituti scolastici che hanno aderito all’iniziativa, coinvolgendo circa 4000 tra studenti ed insegnanti non solo in workshop, seminari, lezioni ma anche in eventi pubblici e mostre tematiche. La conclusione del progetto si è tenuta dal 15 al 19 novembre presso il prestigioso auditorium del MAXXI di Roma.

Tra le attività realizzate:

  • incontri presso le scuole partecipanti, finalizzati a raccontare la condizione autistica attraverso il mezzo cinematografico: sono stati mostrati agli studenti cortometraggi sul tema della neuro-diversità provenienti da ogni parte del mondo con lo scopo di stimolare nei ragazzi lo sviluppo del senso civico, del pensiero di sé e dell’altro, nel rispetto di ogni diversità e contro ogni forma di discriminazione. In più occasioni è stato proiettato il lungometraggio Quanto Basta di Francesco Falaschi con Vinicio Marchioni, Valeria Solarino ed Alessandro Haber;
  • incontri e seminari presso le scuole partecipanti finalizzati a fornire gli strumenti teorico pratici per servirsi in maniera critica del mezzo cinematografico: una delle finalità del progetto era quello di insegnare ai ragazzi a giudicare un film, a coglierne gli aspetti tecnici e contenutistici, ad articolare un giudizio coerente; l’obiettivo era la formazione di una giuria in grado di valutare i cortometraggi in concorso nella VII edizione del festival. E così è stato: ogni scuola coinvolta ha scelto i propri rappresentati che, in occasione delle giornate conclusive del progetto hanno affollato l’auditorium del MAXXI di Roma proprio in qualità di giurati. Per rendere ancora più stimolante la partecipazione, i 400 studenti coinvolti, al termine delle proiezioni, hanno potuto visitare il MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo.
  • workshop orientati a fornire competenze specifiche. In particolare, gli studenti del liceo Artistico Orioli hanno affiancato lo staff nella realizzazione dei sottotitoli di alcuni cortometraggi in lingua straniera, imparando a gestire programmi specifici per la sottotitolazione e la sincronizzazione. Altri studenti hanno potuto incontrare professionisti del settore come Davide De Cubellis, tra i più importanti storyboard artist italiani, o come Oscar Cosulich, giornalista esperto in cinema d’animazione e direttore del Future Film Festival di Bologna, e ancora l’attore Pino Calabrese, il regista Francesco Falaschi. Inoltre, nel corso dell’evento conclusivo gli studenti hanno incontrato gli attori Pietro Sermonti, Andrea Sartoretti, Caterina Guzzanti, Valerio Aprea, Massimo di Lorenzo, Alessandro Tiberi, Ninni Bruschetta, Karin Proia e Raffaele Buranelli ed i registi Luca Vendruscolo, Giacomo Ciarrapico, Marco Bonfanti e il produttore Gianluca Arcopinto.

Il progetto nel complesso ha coinvolto 3 regioni, 7 scuole e circa 4.000 studenti.

CIPS - Cinema e Immagini per la Scuola
Piano nazionale di educazione all'immagine per le scuole promosso dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’Istruzione
CIPS - Cinema e Immagini per la Scuola è un progetto promosso da: