Bamp Cinema – Un solo frame dallo Jonio all’Adriatico

Progetto
“Bamp Cinema - Un solo frame dallo Jonio all’Adriatico”, un progetto ideato da Agis Puglia e Basilicata, con il coinvolgimento della USR Puglia grazie al protocollo d’intesa del 2017, in partnership operativa con Molise Cinema, propone la seconda edizione arricchendo il format di un’organica proposta di formazione e rassegna di educazione all’immagine nelle sale cinematografiche.

Bamp Cinema – Un solo frame dallo Jonio all’Adriatico” alla sua seconda edizione mantiene la missione di costruire il progetto ad anello. L’onda del mare del cinema parte, dal punto più ad oriente d’Italia, Lecce per attraversare la Basilicata ed il Molise.
Il progetto è pensato e costruito con moto circolare non solo dal punto di vista dei territori coinvolti ma anche come format di progetto. La partenza è nuovamente dai docenti per chiudersi sul pubblico degli studenti, passando attraverso gli esercenti cinema. Il progetto è partito dopo la pandemia e la riapertura delle sale, realizzando la rassegna con proiezioni guidate da esperti a cura del GET Accademia del Cinema Bari.
Nel tentativo di approcciare i giovani al cinema, c’è bisogno di assumere sempre più la missione di trasmettere la settima arte come oggetto culturale e di sostegno per pensare e leggere il mondo. Per questo è necessario studiare una pedagogia che partendo da una visione di un film, si proponga e si adatti alla nostra epoca marcata da rapidi cambiamenti, sempre maggiori e continui nel modo di vedere, ricevere, diffondere e produrre le immagini viste su una moltitudine di schermi. L’intento è stato quello di costruire degli strumenti che siano sensibili e induttivi, interattivi e intuitivi, fornendo conoscenze, strumenti analitici e le possibilità di dialogo tra le immagini ed i filmati. Il progetto ha inteso favorire e sostenere la promozione dello studio dello spettacolo, ed in particolare dell’arte cinematografica, attraverso percorsi didattici rivolti al mondo della scuola e incrementare la conoscenza del linguaggio audiovisivo, promuovere i luoghi di spettacolo come i presidi culturali dei nostri comuni del sud in quanto luoghi speciali deputati alla fruizione collettiva, in antitesi alla tendenza attuale che incentiva i consumi in door anziché out door, fenomeno che sta provocando fenomeni distorsivi non favorendo esperienze di confronto e socializzazione e quindi di crescita. Il patrimonio e la creatività cinematografica racchiudono ed esprimono l’insieme dei valori storici, artistici e sociali della nostra comunità e, pertanto, la rassegna ha voluto rappresentare un prodotto di grande spessore identitario attraverso il coinvolgimento attivo delle risorse del vasto territorio coinvolto e allo stesso tempo uno strumento di forte richiamo per un pubblico vasto ed eterogeneo, attraverso un’offerta culturale molto ampia.Le Scuole sono state invitate ad aderire per la Puglia dalla Direzione scolastica regionale. Per le altre regioni sono stati interessati gli esercenti come contatto con le Scuole e per il Molise da Molise Cinema.
Sono state selezionate 16 sale cinematografiche, in 15 comuni, dalla Puglia al Molise alla Basilicata, per oltre 20 istituti superiori aderenti.

Il progetto ha coinvolto complessivamente 3 regioni (Puglia, Basilicata e Molise), 20 scuole, 1500 studenti e 40 docenti.

CIPS - Cinema e Immagini per la Scuola
Piano nazionale di educazione all'immagine per le scuole promosso dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’Istruzione
CIPS - Cinema e Immagini per la Scuola è un progetto promosso da: